IP1 – IPERTERMIA

CATEGORY
Elettromedicali, Linea elite, Prodotti

Parlando di elettromedicali per la fisioterapia non possiamo non parlare dell’ Ipertermia.

Quando parliamo di Ipertermia indichiamo la possibilità di focalizzare in una zona ben determinata posta all’interno del corpo, ad una profondità variabile (da 1 cm fino a 8 cm.), energia sufficiente a portare la parte interessata (volume-bersaglio) ad una temperatura elevata (38°-42°) ben specifica e controllata senza che parti adiacenti subiscano perturbazioni apprezzabili. La grande particolarità che rende unica questa nuova termoterapia è la ottima riproducibilità dei parametri termici, grazie all’uso di sofisticati sistemi di controllo ed attuazione dei sistemi energetici bersaglio e radianti.

 

Tutti i sotto sistemi che compongono il “Fisiocomputer IP1 – Ipertermia” sono stati progettati e realizzati ponendo particolare cura agli aspetti di sicurezza affidabilità, funzionalità del prodotto e compatibilmente semplicità’ di utilizzo.

 

Per raggiungere questi obiettivi la J&S si e’ avvalsa della sua esperienza di società di progettazione nel campo elettronico dedicato al medicale, riversando tecnologie sviluppate in ambito di progetti finanziati dalla Commissione Europea coronati da successi e consensi.

 

Oltre al raggiungimento degli obbiettivi prefissati, l’utilizzo di queste tecnologie acquisite ha permesso una riduzione dei costi rendendo così possibile l’ottimizzazione del rapporto qualità prezzo sia del macchinario sia dei suoi costi di gestione.

 

Questo nuovo metodo di induzione termica è risultato essere fino ad ora il più idoneo per curare e risolvere situazioni di determinate patologie che apparivano ostiche e dall’andamento scostante e cronico ( contratture, tendiniti, lesioni mucolari, artrosi, ecc.) ; tutto questo ci fa comprendere come l’ipertermia sia di gran lunga più efficace rispetto a molte altre terapie che si basano sul calore come mezzo per curare il paziente (radar, marconi, ecc…).

 

Per dare un’idea più immediata di quello che noi definiamo “il salto” da un apparato ormai superato alla nuova frontiera biomedica che è l’ipertermia, vi forniamo i dati primari comparativi tra le varie termoterapie usate fino ad oggi.

 

Analizzando l’efficacia del “Fisiocomputer IP1 – Ipertermia” va sottolineata l’importanza che ha la riproducibilità del ciclo di sedute e l’aumento del flusso ematico (di gran lunga superiore al normale) nella zona di volume-bersaglio da noi specificata che garantisce in numerosissime patologie un’efficace velocizzazione del periodo di guarigione.

Eccoci arrivati all’epilogo di quello che la fisioterapia riabilitativa chiamerebbe “la soluzione” un sistema capace di controllare la temperatura dello strato superficiale di applicazione (pelle). Un sistema capace di irradiare calore direttamente, in maniera controllata ed omogenea, a tessuti(volume-bersaglio) posti fino ad 8 cm. di profondità dall’applicatore.

 

Un sistema che garantisca la riproducibilità delle terapie effettuate cioè la possibilità di mantenere costante e precisa la temperatura richiesta in assenza di zone surriscaldate ogni qualvolta decidiamo di ripetere gli stessi schemi di applicazione.

 

Un sistema capace di operare sul volume bersaglio in quei range di temperatura in cui il calore ha un’effettivo potere terapeutico ai fini della riabilitazione fisica (necessario per una ottimale e specifica risoluzione della patologia). Un sistema chiamato IP1 – Ipertermia.

 

Tutti gli elementi che compongono l’IP1 – ipertermia sono la massima espressione tecnologica presente oggi sul mercato, lo sviluppo della parte elettronica ruota intorno a sistemi basati sull’utilizzo di ispLSI (in-system programmable Large Scale Integration) che hanno permesso una flessibilità ed efficacia di progetto impensabile sino a poco tempo fa.

 

Controlli:

 

Le funzioni di controllo svolte dal sistema centrale dell’ IP1 – Ipertermia sono rivolte sia ad assicurare il rispetto dei parametri impostati dall’operatore sia al controllo istante per istante del funzionamento corretto di ogni blocco che concorre al regolare svolgimento della terapia.

 

Parametri impostati dall’operatore:

– temperatura bolo
– temperatura pelle
– potenza massima erogabile dalla macchina
– tempo di trattamento

 

Parametri di controllo:
– potenza diretta all’applicatore
– potenza riflessa dall’applicatore
– indice di efficienza del sistema radiante
– temperatura di ingresso allo scambiatore di..calore
– temperatura di uscita dallo scambiatore di..calore
– temperatura dell’amplificatore RF
– assorbimento amplificatore RF
– pressioni nel circuito idraulico
– temperatura di riferimento
– emissioni disperse

 

Come tutti i prodotti della J&S anche il Fisiocomputer IP1 – Ipertermia dispone di una serie di protocolli preimpostati studiati appositamente per le diverse patologie da trattare.